Roma, Nuovo Cinema Aquila: l’ok della giunta al bando. La telenovela continua

Date:

Share post:

di Redazione

 

 

 

 

 

 

Il Nuovo Cinema Aquila rinasce insieme ai cittadini. La Giunta capitolina ha approvato la delibera che comprende il “Documento della Partecipazione” per la concessione a titolo gratuito dello spazio confiscato alla mafia – nato dal processo collaborativo “Co’ Roma Pigneto” iniziato a ottobre che ha coinvolto tutto il territorio del V Municipio – e le linee guida per la predisposizione dell’Avviso pubblico per la selezione del progetto di gestione.

Nel provvedimento si sottolineano i punti essenziali del Documento della Partecipazione, che divengono linee guida per il bando che sarà a breve pubblicato, tra cui: il progetto di gestione dovrà assicurare lo sviluppo di un presidio culturale vitale e la costruzione di relazioni e trame sociali sul territorio essendo non solo accessibile ma anche rilevante per la comunità di riferimento (dai singoli cittadini alle associazioni alle istituzioni presenti nell’area); lo spazio, pur mantenendo fede alle proprie caratteristiche e alla propria storia, dovrà essere più di una sala cinematografica, un luogo espansivo in cui permettere scambio, ricerca e crescita nel campo dell’audiovisivo e della cinematografia; il nuovo Cinema non potrà prescindere dall’essere proattivo nell’inserirsi e tessere reti di cinema cittadine, nazionali e internazionali, all’interno delle quali possa diventare un punto di riferimento, d’aggregazione e di sperimentazione costante nel tempo; un sistema di monitoraggio del funzionamento e dello sviluppo del progetto è una componente indispensabile del modello di gestione e deve essere veicolo di dialogo e trasparenza con il territorio, oltre che strumento di miglioramento del Cinema stesso; in fase di avvio si considera necessario un forte rapporto con l’Amministrazione Capitolina che assicuri supporto, facilitando un percorso volto all’autonomia (anche economica) della struttura nel tempo e una gestione dinamica del progetto, tale da assecondare le evoluzioni necessarie a garantirne il successo.




Nel frattempo nella sala sono stati proiettati una serie di film a sfondo fortemente anti-sionista dalla quale la Giunta della Sindachissima si è dissociata con un certo ritardo e poca forza di convinzione.

 

 

 

(18 marzo 2017)

 





 

 

©gaiaitalia.com 2017 – diritti riservati, riproduzione vietata

 

 

 

altre notizie

Marta Bonafoni: “Benvenuta nel Lazio a Elly Schlein”, a supporto del fronte ecologista e progressista

di Redazione Politica “Sono molto contenta che Elly Schlein abbia deciso di venire nel Lazio per supportare candidate e...

Il Questore vieta la manifestazione di Casapound che taccia la decisione di “Inaccettabile”

di P.M.M. Uno sfregio continuo quello di Casapound alle decisioni dello Stato. Dall'occupazione di un'intero stabile all'Esquilino al giudizio...

L’allenatore di basket prende a sberle la giocatrice che sbaglia. Le consigliere regionali Bonafoni e Mattia: “Vengano presi provvedimenti immediati”

di Giovanna Di Rosa Le cronache registrano l'ennesimo episodio di violenza maschile su una donna, un'atleta per di più...

Nicola Zingaretti: “Alleanza con M5S un dovere”

di Daniele Santi In diretta dallo spazio de "La Stampa" al Salone del Libro di Torino il presidente della Regione...