Pubblicità
21.1 C
Roma
Pubblicità

ROMA

Pubblicità

ROMA SPETTACOLI

HomeNotizieCapolavoro PD. D'Amato sbatte la porta e saluta l'allegra macchina da guerra

Capolavoro PD. D’Amato sbatte la porta e saluta l’allegra macchina da guerra

GAIAITALIA.COM ROMA anche su TELEGRAMIscrivetevi al nostro Canale Telegram

di Giancarlo Grassi

Il candidato sconfitto del centrosinistra, ex assessore regionale alla Sanità, Alessio D’Amato non ci sta e sbatte la porta. Dimissioni dal PD. Irrevocabili. Pare. Non gli è andata giù la partecipazione di Elly Schlein alla manifestazione del M5S nella quale Grillo è apparso come un destro presagio inneggiando a passamontagna e brigate. Marta Bonafoni, attuale coordinatrice della segreteria del PD, è stata eletta proprio nella lista di D’Amato. Le dimissioni dell’ex assessore non sono un buon segno.

In un’intervista al quotidiano Repubblica D’Amato ha spiegato le sue ragioni con chiarezza: “È stato un errore partecipare a una manifestazione che si è connotata con parole d’ordine inaccettabili per chi arriva da una cultura riformista e di sinistra, che ha sempre combattuto queste forme di violenza verbale. È stato un errore politico e una sottovalutazione, vedo una sorta di spirito gregario in questa partecipazione. Ancora più grave è il mancato ed immediato pubblico dissenso da Grillo e Ovadia”. Perché anche Moni Ovadia, uomo che della sua cultura straordinaria dovrebbe fare virtù, ha sostenuto dal palco che “la guerra in Ucraina l’hanno catenata gli USA” che è esattamente ciò che dice Putin. Un po’ troppo per essere lì da segretaria di un PD che garantisce coi suoi voti il sostegno all’Ucraina.

C’è aria di scissione. E D’Amato incalza: ” (…) ribadisco che è stato un errore partecipare a questa mobilitazione. Le manifestazioni unitarie vanno realizzate su piattaforme comuni. Aderire così è il sintomo di uno spirito minoritario, che non aiuta a costruire un’alternativa di governo, che va creata su un impianto riformista, contro i sovranisti e i populismi. Quello che hanno detto Grillo e Ovadia invece è la quintessenza del populismo”.

E c’è aria di scissione. Nel frattempo il governo fa quello che vuole e la segretaria PD non risponde nel merito, né in parole e tantomeno in opere.

 

(19 giugno 2023)

©gaiaitalia.com 2023 – diritti riservati, riproduzione vietata

 





 

 

 

 

 

 

 

 

 

 



PubblicitàCOLORS SALDI SS23

CRONACA ROMA & LAZIO