Pubblicità

Meloni all’attacco continuato alla ministra Lamorgese (poi tempo per guardare dentro FdI non gliene resta)….

di Giovanna Di Rosa, #politica

La leader Meloni ha sferrato oggi l’ennesimo politicamente inutile attacco alla ministra Lamorgese per la questione della sicurezza a Roma durante l’assalto No Vax e a margine dei disordini scatenati da Forza Nuova e compagnia (“Portateci da Landini o lo andiamo a prendere Noi”). La ministra ha dichiarato che la scelta di “non arrestare subito il leader di Forza Nuova” era stata dettata dall’esigenza di evitare “la degenerazione dell’ordine pubblico”.

E quindi fu l’apriti cielo di Meloni: di tutto di più. Perché i disordini li ha provocati Lamorgese, non gli estremisti della destra estrema. Questo almeno lascia intendere il racconto della leaderessa, che grida “Scontri volutamente permessi. E’ strategia della tensione” dimostrando, una volta per tutte, che lei della strategia della tensione della quale grida ad usum Michetti, non sa nulla. Assolutamente nulla.

Dunque la via ritenuta dagli Interni “non percorribile” nei confronti di “Giuliano Castellino a Piazza del Popolo” per timore di “una reazione violenta della piazza con il rischio di degenerazione” e quindi per difendere i cittadini, per Meloni, è strategia della tensione e colpevole di tutto è Lamorgese e non CastellinoFiore che dal loro governo-ombra avrebbero pianificati l’assalto da almeno dodici mesi, dai tempi del governo Conte.

Si capisce quindi che con tutto questo essere indaffaratissimi a trovare il modo di dare la colpa al governo Draghi poi il tempo di guardare cosa succede dentro Fratelli d’Italia non si trova, e ci si incazza con chi fa le inchieste.

 

(13 ottobre 2021)

©gaiaitalia.com 2021 – diritti riservati, riproduzione vietata

 




 

 

 

 

 

 

 



Comments

comments

POTREBBERO INTERESSARTI

seguiteci

4,668FansMi piace
2,378FollowerSegui
120IscrittiIscriviti
Pubblicità

Ultime Notizie