Pubblicità

Sgarbi multa chi indossa la mascherina a Sutri. Quando è stato che abbiamo perso il senno?

Data:

Condividi

Pubblicità

di Giovanna Di Rosa #Lopinione twitter@GaiaitaliaRoma #Politica

 

Così nel pieno di una follia incontrollabile che nemmeno le autorità riescono a tenere a freno, all’interno della quale viene sovvertito ciò che è vero e ciò che non lo è Vittorio Sgarbi, già tristemente noto, anche Sindaco di Surti nel viterbese, ha deciso di multare chi indossa la mascherina come da misura anti-Covid19. Il motivo? “Solo ladri e terroristi si mascherano il volto“. C’ha imbastito su un’ordinanza.

Ditemi quando è stato che abbiamo perso il senno. Ditemi quando è stato che abbiamo deciso che chi sovvertiva la realtà doveva diventare colui che la realtà inventata governava e chi invece si batte per una vita reale migliore è diventato un’inascoltabile cialtrone da sbugiardare ad ogni costo. Ditemi quando è stato che abbiamo deciso che la realtà vera non era quella che vivevamo quotidianamente, ma un’altra, virtuale, raccontata da reti televisive corazzate armate a favore di un parte politica. Ditemi quando e perché questo paese c’è cascato.

Ditemi quando, in qualsiasi paese che abbia un senso, si può usare una legge in vigore per stabilire multe per coloro che seguono le direttive anti-covid. Ditemi, per favore, cosa è successo. E nel frattempo leggetevi l’ordinanza. C’è molto da imparare su quel che vuol dire maneggiare un paese – nel senso di Stato – coi piedi. Perché Sgarbi per andare contro la legge, usa la legge. Cioè agisce dentro leggi dello Stato che non sono mai state abrogate.

“In ottemperanza al Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri è proibito l’uso della mascherina nella Città di Sutri all’aperto per evidenti ragioni di salute e al chiuso, salvo che in caso di assembramento, dalle ore 18.00 alle 6.00 del mattino, come specificamente indicato dal Dpcm del 16 agosto 2020 che tutela dal rischio discoteche e non dalla convivialità, che impone di stare a tavola e mangiare senza mascherina. In tutti gli altri casi, chi sarà visto portare la mascherina sarà multato in ordine alla legge 533/1977 in materia di Ordine Pubblico che all’articolo 2 prevede che non ci si possa mascherare in volto: ‘È vietato l’uso di caschi protettivi, o di qualunque altro mezzo atto a rendere difficoltoso il riconoscimento della persona, in luogo pubblico o aperto al pubblico, senza giustificato motivo. È in ogni caso vietato l’uso predetto in occasione di manifestazioni che si svolgano in luogo pubblico o aperto al pubblico, tranne quelle di carattere sportivo che tale uso comportino…’. Tale norma, anche con riferimento alle mascherine, è potenziata con il Decreto Legge 155/2005”.

Ditemi quando è stato che abbiamo deciso che questi avrebbero governato l’Italia. Ditemi cosa mi sono persa. E dov’ero.

 

 

(29 agosto 2020)

©gaiaitalia.com 2020 – diritti riservati, riproduzione vietata

 

 





 

 

 

 

 




Pubblicità

altre notizie

Marta Bonafoni: “Il Parco Centocelle vedrà la luce. Azioni comitati hanno condotto a risultati”

di Redazione Politica “Stamane il sindaco Roberto Gualtieri e l’assessora Sabrina Alfonsi hanno annunciato il progetto per il Parco...

1 Dicembre, Mattia (PD): “Cinque anni dalla parte delle persone”

di Redazione Politica Giovedì 1 dicembre alle ore 18:00 in Via di Portonaccio 23 a Roma, Eleonora Mattia -...

L’assessora leghista e il concorso per tre posti da Vigile Urbano del comune di Ardea (di cui è assessora)

di Pa.M.M. E' assessora ad Ardea, delega ai servizi demografici e al personale, ma probabilmente sente il bisogno di...

L’AIE cambia le date di “Più Libri Più Liberi”. Soddisfazione dell’assessore Miguel Gotor

di Redazione Roma “Voglio esprimere la mia soddisfazione per la decisione resa pubblica oggi dall’Associazione Italiana Editori di cambiare,...