“Pensierini Romani”, di Vittorio Lussana. Figli di un dio dei buffoni, o del “Pappalardo virologo piazzista”

Data:

Share post:

di Vittorio Lussana #PensieriniRomani twitter@GaiaitaliaRoma #Papalardo

 

Se non fosse un personaggio ‘macchiettistico’, il generale Pappalardo, che nei giorni scorsi si è posto a capo dei cosiddetti ‘Gilet arancioni’, sarebbe veramente da trascinare in Tribunale per fargli passare un lungo periodo di ‘cacarella’. Affermare che il Covid 19 sia un virus che non esiste quando solo ieri, 3 giugno 2020, mezza città di Roma si è dovuta impegnare a isolare un ‘focolaio di ritorno’ proveniente dagli Stati Uniti, non solo calpesta la memoria dei 33 mila morti che abbiamo avuto in questi ultimi 3 mesi, ma lede la dignità professionale di chi ha rischiato la vita, o addirittura l’ha perduta, per salvare quella di tutti gli altri. Inoltre, non ancora soddisfatto della propria ‘buffonaggine’, il generale Pappalardo si è in seguito ‘autonominato’ virologo per stabilire, senza prova alcuna, che i vaccini fanno male, poiché possono avere delle controindicazioni. E qui c’è un reato bello e buono: quello di millantato credito, poiché questo pittoresco ex ufficiale dei Carabinieri non possiede alcun titolo non soltanto per parlare di vaccini, ma persino di un banale raffreddore. Insomma, quel che preoccupa, dopo questi giorni di protesta, non è tanto una destra sovranista e populista composta da gente totalmente senza scrupoli, pronta a cavalcare qualsiasi ‘onda’ pur di avere un quarto d’ora di notorietà e di visibilità. Quel che inquieta e preoccupa è che un bel pezzo di questo Paese, da un simile cinismo ‘dopato’ e miserabile ne appaia divertito, come se nella vita si potesse scherzare su tutto. Una destra di ‘clown’, più che di populisti, che è stata capace di riprodurre perfettamente quell’antico ‘circo Barnum’ di gramsciana memoria che credevamo seppellito dalla Storia. Tutto questo ha una spiegazione ben precisa, purtroppo: in Italia esiste anche un ‘Dio dei buffoni’, che garantisce una ‘vetrina’ pure a chi dichiara cose assurde e senza alcun senso. In passato, sono stato il capofila di coloro che evidenziarono il delirio ideologico dei comunicati delle Brigate Rosse. Di fronte alle tesi del generale Pappalardo, credo oggi di dovere delle scuse sia a Renato Curcio, sia ad Alberto Franceschini.

 

(4 giugno 2020)

©gaiaitalia.com 2020 – diritti riservati, riproduzione vietata

 

 

 





 

 

 

 

 

 




altre notizie

Draghi dice “Nell’attuazione del PNRR non ci saranno ritardi”. Poi parla Meloni: “I ritardi del Pnrr sono evidenti”

di Giancarlo Grassi Si avvicina la data dell'investitura e Meloni deve sganciarsi da Draghi, così sceglie il modo peggiore, che è quello...

Le consigliere Baglio e Cicculli: “Ancora violenza contro una donna a Roma, a lei tutta la nostra vicinanza e solidarietà”

di Paolo M. Minciotti "Vogliamo esprimere la nostra vicinanza e solidarietà alla donna che la scorsa notte è stata aggredita...

Roma: Bonessio (EV), ripartire dal risultato dell’Alleanza EV-SI per ricostruire una efficace opposizione alla destra

di Redazione Politica “È positivo il risultato raggiunto dall’Alleanza Europa Verde - Sinistra Italiana che, già con il successo nei...

Morassut (Pd): “Votare Pd per difendere Pnrr, aiutare i deboli e perché la destra ha causato la crisi di Roma”

di Redazione Politica "Perché votare Pd? Perché il voto al Partito democratico garantisce un rapporto solido con l'Europa in...