Home / notizie / Fenomenologia della visione: Daniele Bongiovanni torna al MACRO di Roma

Fenomenologia della visione: Daniele Bongiovanni torna al MACRO di Roma

di Redazione #Roma twitter@GaiaitaliaRoma #Arte

 

Apparenze cromatiche e vedute oniriche che si rivelano ”luogo concreto”, tutto ciò grazie all’apporto analitico e profondo della luce. Daniele Bongiovanni già invitato quest’anno, in qualità di ospite internazionale, alla East Africa Art Biennale 2019, ritorna al MACRO di Roma, per la realizzazione di un particolare progetto/installazione pittorica.

Il pittore dal 5 al 10 novembre sarà impegnato con uno Special Project presso il Museo d’Arte Contemporanea di via Nizza, all’interno del rinomato programma sperimentale Atelier di MACRO Asilo. Luogo in cui gli autori entrano in contatto con le dinamiche del museo/studio progressivo, e dove le fasi di realizzazione dell’opera d’arte sono più che fondamentali, in quanto opera stessa. l’artista italiano in questo contesto darà vita a una versione totalmente narrativa del suo lavoro, una trama che mette in primo piano il valore della progettazione e della ”creazione”.

La produzione artistica di Daniele Bongiovanni ci porta a concepire in modo fermo e deciso che si può riuscire a comporre opere appostandosi all’interno di uno stile che possiamo definire ibrido, in quanto ibrida ne risulta la ricerca che sorregge l’autore, quel percorso sperimentale unico e universale che rende il tratto della mano sempre attento e originale nella propria unicità inconfondibile, all’interno della definizione pittorica del contesto, ponendosi e interponendosi tra il classico e il post moderno, tra il formale e l’informale, tra un espressionismo concettuale e suggestivo, intimo e interpretativo, e una rivisitazione in chiave moderna di tratti e lineamenti che diventano espressioni di altre prospettive e di altri panorami descrittivi, le narrazioni dell’animo”.

Daniele Bongiovanni, riconosciuto come l’artista dei cieli bianchi, ha studiato Arti visive nella sua Sicilia, dove ha conseguito la laurea magistrale con il massimo dei voti e lode presso l’Accademia di Belle Arti di Palermo. Nel corso della sua carriera realizza diversi cicli tematici, che presenta, in musei e gallerie, nelle maggiori città italiane ed estere, tra cui: Milano, Roma, Torino, Parigi, Londra, Liverpool, New York, Las Vegas, Louisville (Kentucky), Seul, Melbourne. Espone anche nelle principali manifestazioni di arte contemporanea, tra cui più edizioni della Biennale d’Arte di Venezia.

Tra le principali mostre personali si ricordano: ”Liquido/Sophia”, MACIA – Museo d’Arte Contemporanea Italiana in America (2007); ”Collezione Pelle Sporca”, Università Ca’ Foscari Venezia (nell’ambito della 53. Biennale, 2009); ”Mundus”, CD Arts Gallery a Lugano (2016); ”Mundus Other”, Centro Svizzero di Milano (2016); ”InEtere”, Palazzo della Luce a Torino (2016); ”Aesthetica Bianca”, Ambasciata d’Italia a Londra (2017); ”Exist”, Palazzo Broletto di Pavia (2018); ”Con Pura Forma”, Raffaella De Chirico Arte Contemporanea a Torino (2019).

 

(30 ottobre 2019)

©gaiaitalia.com 2019 – diritti riservati, riproduzione vietata

 

 




 

 

 

 

 

 




Comments

comments

Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne clicca su "leggi di più". Questo sito utilizza cookies di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. leggi di più

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi