Home / notizie / Fase 2, Ciani (Demos): “Troppi decessi per il Covid negli istituti per anziani. Il Lazio diventi prima Regione a puntare su nuove modalità di assistenza”

Fase 2, Ciani (Demos): “Troppi decessi per il Covid negli istituti per anziani. Il Lazio diventi prima Regione a puntare su nuove modalità di assistenza”

0Shares

di Redazione #Politica twitter@GaiaitaliaRoma #Lazio

 

“Bisogna superare il modello di assistenza incentrato su RSA e case di riposo, dove sono morti troppi anziani per il Covid. Da oggi l’obiettivo è costruire percorsi innovativi per far vivere gli anziani a casa e portare lì le cure di cui hanno bisogno” dichiara Paolo Ciani, capogruppo di Demos alla Pisana.
Il Consiglio regionale del Lazio ha approvato all’unanimità una mozione di Paolo Ciani (che è anche vicepresidente della Commissione Sanità), che impegna il presidente Zingaretti e gli assessori competenti a investire su nuovi modelli assistenziali per gli anziani, volti a coniugare il vivere in casa con una intensità di cura flessibile. Nel Lazio gli anziani (over 65) rappresentano il 21% della popolazione. L’intento è favorire una molteplicità di soluzioni abitative – dimora naturale, housing sociale pubblico o privato, residenzialità leggera, cohousing pubblico o privato, condomini protetti, case famiglia, microaree – e portare le cure sanitarie a domicilio. Questo permetterà una migliore qualità della vita, riducendo i costi per le amministrazioni pubbliche. La mozione è stata sottoscritta da molti consiglieri, fra i quali la Capogruppo del Movimento 5 Stelle Roberta Lombardi.

“Secondo l’OMS la metà dei morti per COVID nel mondo è avvenuta nelle RSA. Anche nel nostro territorio abbiamo visto che questa modalità di cura non ha tenuto dinanzi all’emergenza Coronavirus o lo ha fatto solo in parte, nonostante fossero pensate per proteggere gli anziani. Per questo è necessario fare scelte coraggiose. Abbiamo superato gli orfanotrofi e pensato per i minori soluzioni più umane. Siamo il Paese di Franco Basaglia, che ha ideato nuovi percorsi per la cura della malattia mentale, presi ad esempio nel mondo intero. Possiamo innovare in profondità l’assistenza agli anziani, costruire alternative all’istituzionalizzazione e tenere i nostri cari a casa. La Regione Lazio oggi compie oggi una scelta di indirizzo importante, su cui lavorare con coraggio e che potrebbe diventare un modello per l’Italia” conclude Ciani.

 

(28 maggio 2020)

©gaiaitalia.com 2020 – diritti riservati, riproduzione vietata

 

 





 

 

 

 

 

 

 




Comments

comments

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne clicca su "leggi di più". Questo sito utilizza cookies di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. leggi di più

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi