Home / notizie / Salvatore Bragantini alla Galleria Alberto Sordi, il 4 aprile

Salvatore Bragantini alla Galleria Alberto Sordi, il 4 aprile

di Redazione #Roma twitter@GaiaitaliaRoma #Cultura

 

Appuntamento con la cultura giovedì 4 aprile ore 18.00 alla libreria Feltrinelli in Galleria Alberto Sordi a Roma per la presentazione del libro “Contro i pirañas, come difendere le imprese da soci e manager troppo voraci” di Salvatore Bragantini edito da Baldini+Castoldi.

Dialogano con l’autore Magda Bianco, Stefano Micossi e Massimo Mucchetti.

 

Per la maggior parte delle persone, il mondo misterioso delle grandi aziende di capitali è inavvicinabile per le sue logiche troppo complicate. Ammiriamo i casi di grandi imprenditori italiani quando pensiamo a Esselunga di Caprotti o Luxottica di Del Vecchio, ma non sappiamo che per la maggior parte le aziende familiari sono troppo piccole per competere nel grande mare delle corporation. Tocchiamo con mano cosa vuol dire la globalizzazione quando un colosso come l’indiana ArcelorMittal rileva la gloriosa Ilva dal cui destino dipendono più di diecimila lavoratori e famiglie. Ma come funzionano queste società per azioni? Che ruolo hanno i consigli di amministrazione e l’amministratore delegato? Devono comandare loro o l’ultima parola spetta agli azionisti? E i fondi di Private equity, che gestiscono portafogli miliardari, e comprano e rivendono aziende come giocattoli, di chi fanno l’interesse? Degli azionisti di maggioranza e degli speculatori che capitalizzano in breve tempo? Non dobbiamo dimenticare che i posti di lavoro li creano le aziende, non la finanza che specula. Sono le aziende che accrescono il Pil nazionale contribuendo al benessere economico e sociale del territorio, perché le aziende ben gestite hanno una visione di medio e lungo raggio. E dunque può esistere un capitalismo sano, che non arricchisce pochi speculatori rapaci ma tutti gli azionisti, anche quelli di minoranza, e soprattutto fa prosperare le aziende, il vero motore dello sviluppo? La risposta è sì, e in questo pamphlet garbato e pieno di humor, Salvatore Bragantini, forte della sua pluridecennale esperienza prima nel mondo del Private Equity, poi come Commissario Consob, infine nei CdA di molte aziende, spiega in maniera lucida e per tutti le storture dell’attuale sistema di potere che controlla le grandi imprese, e indica la strada per un futuro concreto in cui queste possano fornire il loro contributo allo sviluppo economico e civile delle nostre società.

Salvatore Bragantini (Imola 1943), si è laureato con lode in Economia all’Università
Statale di Roma nel 1967. Sposato, due figli. Già direttore generale di Arca Merchant, poi Commissario
Consob; in questa veste ha partecipato alla «Commissione Draghi» che ha preparato il Testo Unico
della Finanza, divenuto legge nel 1998. È poi stato amministratore delegato di Centrobanca dal 2001 al
2004. Fino al 30 giugno 2016 ha fatto parte del Securities Markets Stakeholder Group che assiste l’Esma-
European Securities Markets Authority – nelle misure di attuazione delle direttive dell’Unione Europea. È
editorialista del «Corriere della Sera» dal 1994. Oggi è amministratore di società quotate e non quotate.
È membro della Ned, la comunità italiana degli amministratori indipendenti. Per Baldini+Castoldi ha
scritto Capitalismo all’italiana – Come i furbi comandano con i soldi degli ingenui.

 




 

(31 marzo 2019)

©gaiaitalia.com 2019 – diritti riservati, riproduzione vietata

 





 

 


 

Comments

comments

Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne clicca su "leggi di più". Questo sito utilizza cookies di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. leggi di più

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi