Home / notizie / ATAC, Gruppo PD: Concordato in bianco rischioso, meglio procedura amministrazione straordinaria

ATAC, Gruppo PD: Concordato in bianco rischioso, meglio procedura amministrazione straordinaria

di Gaiaitalia.com, #Roma

 

 

Dopo la notizia del “sì” al concordato per Atac da parte del tribunale fallimentare, salutata con gioia dalla Sindaca Raggi (con un comunicato stampa che lascia sconcertati) il gruppo PD in CAmpidoglio rende nota una sua posizione in merito, era pure ora, con una nota stampa giunta in redazione e che pubblichiamo di seguito.

Atac, altra strada possibile. Il concordato in bianco per Atac é la strada scelta dall’Amministrazione 5 stelle senza dare modo all’aula di confrontarsi su possibili alternative. La procedura é rischiosa e dal finale incerto; le carte portate in tribunale rivelano aspetti poco chiari ad iniziare dal bilancio 2016.

L’instabilità e l’incertezza non sono oggi ammissibili in un quadro di estrema fragilità in cui versa la nostra città: parliamo del diritto alla mobilità di migliaia di persone oltre che dei lavoratori di Atac e di tutte le aziende fornitrici.

Per questo, anche nell’ottica di una sana collaborazione tra istituzioni, così come scritto dalla sindaca Raggi sulla stampa pochi giorni fa, chiediamo a questa amministrazione di ritirare la domanda di concordato, aprire un tavolo con la Regione Lazio e il Ministero dello sviluppo, e chiedere che Atac usufruisca della procedura di amministrazione straordinaria delle grandi aziende in crisi, nota anche come legge Prodi. Essendo Atac un’azienda operante nel settore dei servizi pubblici essenziali può accedere immediatamente all’amministrazione straordinaria e ripartire subito con un serio piano industriale e maggiori possibilità di investimenti.




(27 settembre 2017)

©gaiaitalia.com 2017 – diritti riservati, riproduzione vietata

 



 

Comments

comments

Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne clicca su "leggi di più". Questo sito utilizza cookies di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. leggi di più

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi