Pubblicità
21.1 C
Roma
Pubblicità

ROMA

Pubblicità

ROMA SPETTACOLI

HomeNotizieLa Giunta Raggi e il M5S bocciano l'ordine del giorno di SinistraxRoma...

La Giunta Raggi e il M5S bocciano l’ordine del giorno di SinistraxRoma su Acea e Acqua Bene Comune

GAIAITALIA.COM ROMA anche su TELEGRAMIscrivetevi al nostro Canale Telegram

di Gaiaitalia.com, #Roma

 

 

Ieri sera (8 settembre, ndr), nel Consiglio Comunale straordinario su Acea, la Giunta Raggi e M5S hanno bocciato l’odg presentato da SinistraxRoma che prevedeva l’impegno: “ad avviare, conseguentemente, l’iter di trasformazione di ACEA ATO2 in azienda speciale di Roma Capitale con lo scopo esclusivo di garantire il diritto universale e intergenerazionale di accesso all’acqua, subordinato invece sin dalla privatizzazione alla massimizzazione del profitto, e così dare attuazione al risultato del referendum del 2011 il quale ha abolito l’obbligo di remunerare il capitale investito secondo il principio che sull’acqua, bene comune, non si debbano fare profitti; nelle more di trasformazione di ACEA ATO 2 in azienda speciale, ad adottare ogni utile iniziativa”.

La bocciatura è stata motivata con la scusa di aver già approvato analogo impegno in Luglio con la mozione n 51/17. In tale mozione l’impegno su ACEA-ATO2 è il seguente: “ad inserire all’Ordine del Giorno della prossima Conferenza dei Sindaci dell’ATO2 la richiesta di istituire un tavolo per avviare uno studio di fattibilità per promuovere la ripubblicizzazione della gestione del Servizio Idrico Integrato nel territorio dell’ATO2, includendo la partecipazione di tutte le parti interessate”. In sintesi, l’impegno è a chiedere di inserire nell’odg la richiesta di istituire un tavolo per avviare uno studio di fattibilità.
Un tavolo per uno studio, come noto, non si nega a nessuno. Altro è approvare impegno a trasformare Acea-Ato2 in azienda speciale. Sono trucchetti da vecchia politica: nella Prima Repubblica quando si voleva perdere tempo facendo finta di affrontare un problema si istitutiva una commissione. Nell’epoca M5S si chiede di istituire tavoli per avviare studi. Vedete voi la coerenza con le promesse elettorali e il risultato del referendum del 2011 sulla gestione dei beni comuni.

Lo comunica Sinistra per Roma dalla pagina Facebook del gruppo.

 




 

(9 settembre 2017)

©gaiaitalia.com 2017 – diritti riservati, riproduzione vietata

 



 

PubblicitàCOLORS SALDI SS23

CRONACA ROMA & LAZIO