Attaccato e vandalizzato il Gaycenter di Roma

415

Il Gay Center di Roma è stato preso di mira nelle scorse ore da un gruppo di giovanissimi vandali che si sono accaniti con grida, insulti omofobi e spranghe contro la sede dell’associazione romana. “L’attacco violento alla sede del Gay Center è da condannare senza alcun tentennamento. La mia solidarietà alle tante persone, attiviste e professioniste, che lí lavorano ogni giorno con costanza e impegno” scrive dichiara Marilena Grassadonia, Coordinatrice Ufficio Diritti Lgbt+ di Roma Capitale. “La giovane età di chi ha agito conferma che il lavoro da portare avanti nella nostra città è prima di tutto culturale e formativo.  Come Ufficio Diritti LGBT+ andremo avanti in questa direzione, insieme alle tante realtà lgbt+ cittadine con cui lavoriamo ogni giorno”.

L’assalto è avvenuto in branco, perché più si è più forti ci si sente, branco formato da giovani maschi adulti con pretese di maschilismo alfa sui quali il testosterone ha evidente un potere superiore alle loro facoltà di tenerlo a freno.

Pronta reazione anche della capogruppo M5S in Assemblea Capitolina, Linda Meleo secondo la quale le “immagini degli atti di minaccia e vandalismo a danno di Gay Center non sono degne della Capitale d’Italia. Esprimo la più ferma condanna verso questi gesti violenti, discriminatori, di branco, a danno di persone la cui unica ‘colpa’ è quella di essere loro stesse. Auspico che la politica, a tutti i livelli e da tutti i partiti, reagisca fermamente a questo episodio e affronti il problema con la forza dell’educazione e della sensibilizzazione”, mentre secondo l’Alleanza capitolina Verdi-Sinistra: urgono percorsi di educazione sentimentale, all’uguaglianza e affettività con le immagini che ritraggono giovani mentre urlano, scrivono frasi omofobe e prendono a bastonate l’ingresso del Gay Center a Roma sono l’ennesima riprova della necessità, ormai improcrastinabile, di combattere una becera cultura maschilista e machista attraverso percorsi di educazione sentimentale, all’affettività e all’uguaglianza di genere a partire dalla più tenera età. È ancora più avvilente quando simili azioni di una violenza incomprensibile vengono messe in atto da ragazzi che dimostrano massima ignoranza verso le più elementari forme di rispetto altrui, con il sostegno anche di certa politica che alimenta un generale clima d’odio imperante di questi tempi”, così la nota stampa dei consiglieri dell’Alleanza capitolina Verdi-Sinistra Ferdinando Bonessio, Michela Cicculli e Alessandro Luparelli, che chiudono con “naturalmente tutta la nostra piena e totale solidarietà va agli attivisti del Gay Center e a tutta la comunità Lgbtq+ con cui continueremo a lottare fianco a fianco per l’affermazione e la tutela dei diritti di tutte e tutti senza mai farci intimidire”.

La notizia è riportata anche dal sito ufficiale di Gay Center che pubblica la fotografia in alto.

 

 

(1 febbraio 2024)

©gaiaitalia.com 2024 – diritti riservati, riproduzione vietata