Il doppio cognome ai figli, la “libertà” e il non capire nemmeno quello che si legge

Date:

Share post:

di Daniele Santi

C’è del ridicolo negli strali e nelle grida che l’italico popolo, impegnato a comunicare via social la sua bravura e competenza su tutto lo scibile umano, ha lanciato subito dopo la decisione della Consulta sul “doppio cognome” ai figli, una sentenza che dice formalmente “potete fare quello che più vi aggrada”. Certo la Consulta non ha considerato che per fare ciò che si vuole bisogna decidere e, non ce ne voglia il presidente Amato, “decidere” è cosa complicata come spiega in modo articolato in questo suo pezzo per Gaiaitalia.com Notizie, Vittorio Lussana.

Si è davvero scatenato un putiferio impensabile se persino un uomo come Guido Crosetto, compassato e una delle poche teste sul serio pensanti che la politica italiana possa vantare, uomo che sulle barricate non ci si mette mai, è sceso in campo con un tweet dove ha sintetizzato la decisione della Consulta.

Dunque ecco rapidamente liquidata l’ennesima questione nella quale gli Italiani hanno dato l’ormai consueta prova, tra le tante, di non essere in grado di capire nemmeno ciò che leggono e che è scritto in maniera chiarissima. La questione è riassumibile in quel “potremo fare ciò che vogliamo, basta essere d’accordo” senza che nessuno imponga nulla. Ma nemmeno l’essere liberi va bene, perché costringe a decisioni adulte, e in questo paese “decisioni adulte” non se ne vogliono prendere più. Così si contesta inneggiando “alla libertà” anche una decisione che restituisce libertà.

Sentirsi costretti a discutere – a fare casino, per dirla tutta – anche su un provvedimento del genere perché c’è chi si inalbera gratis fa quasi tristezza; come vedere come hanno ridotto questo paese l’ignoranza, l’incultura e la protervia: che son sorelle. Naturalmente tutto questo al netto delle argute proteste di Pillon

 

(30 aprile 2022)

©gaiaitalia.com 2022 – diritti riservati, riproduzione vietata

 





 

 

 

 



altre notizie

Marta Bonafoni: “Benvenuta nel Lazio a Elly Schlein”, a supporto del fronte ecologista e progressista

di Redazione Politica “Sono molto contenta che Elly Schlein abbia deciso di venire nel Lazio per supportare candidate e...

Il Questore vieta la manifestazione di Casapound che taccia la decisione di “Inaccettabile”

di P.M.M. Uno sfregio continuo quello di Casapound alle decisioni dello Stato. Dall'occupazione di un'intero stabile all'Esquilino al giudizio...

L’allenatore di basket prende a sberle la giocatrice che sbaglia. Le consigliere regionali Bonafoni e Mattia: “Vengano presi provvedimenti immediati”

di Giovanna Di Rosa Le cronache registrano l'ennesimo episodio di violenza maschile su una donna, un'atleta per di più...

Nicola Zingaretti: “Alleanza con M5S un dovere”

di Daniele Santi In diretta dallo spazio de "La Stampa" al Salone del Libro di Torino il presidente della Regione...