Home / notizie / Roma Pride 2019: “Mamma, non preoccuparti: non sono fascista, sono bisex”. Più altri 700mila

Roma Pride 2019: “Mamma, non preoccuparti: non sono fascista, sono bisex”. Più altri 700mila

di Monica Maggi #Romapride2019 twitter@GaiaitaliaRoma #LGBTI

 

Degli eventi amo moltissimo due cose: i preparativi e il backstage. Li trovo molto più affascinanti e veri della relativa manifestazione. E così per il Pride. Alle 15 era previsto il via (che poi i carri sono partiti alle quattro e mezza) ma io ero lì alle due.

Ero lì alle due perché mi piace ascoltare la gente, cogliere sensazioni, vedere i gruppi che arrivano, pensare e supporre identità e vite dietro un fazzoletto, un trucco, un’attesa.

Ho amato molto questo Pride, L’ho amato molto più degli altri per tanti motivi. I 50 anni di distanza da Stonewall, nome del bar di New York dove avvennero i primi moti di rivendicazione in quel lontano 27 giugno 1969. I miei 60 anni che rappresentano un guado fondamentale per una donna fluida come me. Ma soprattutto perchè dal 4 marzo del 2018 abbiamo una situazione politica che esigeva un Pride molto più forte, deciso e determinato dei precedenti.

E questa mia aspettativa è stata premiata, sono felice e lo dico davvero. Ho notato meno paillettes, meno spettacolo, meno “piume e lustrini” (motivi per i quali il Gay Pride viene spesso duramente e ingiustamente attaccato) ma tanta tanta voce politica in più. Tanta voglia di dire al Ministro Fontana e a quell’esemplare umano che si chiama Pillon che ci siamo e siamo tanti, e non necessariamente con la necessità di dire chi ci portiamo in camera da letto ma semplicemente che nessuno deve interferire nella nostra vita privata.

In questo loro comportamento però ci hanno fatto un favore: mai come ora il nostro PRIVATO è diventato POLITICO. Di questo se ne devono essere accorti tutti i giovanissimi (migliaia!!!) che sono accorsi al Pride 2019. Eccolo, il vero motivo della mia soddisfazione: tanti ragazzi dai quindici ai diciotto anni al massimo che hanno colorato e ravvivato una manifestazione che ci apparteneva ormai un po’ troppo.

Io l’ho invitata a ballare e lei m’ha detto Lo sai che sono lesbica? e io le ho detto Meglio!”

e questo è solo un esempio delle conversazioni colte al volo.

Bellissimi ragazzi e ragazze, siete una meraviglia. Vi affidiamo questo popolo stonato. Come il tizio al banco del pesce, dove sono andata a fare la spesa post-manifestazione, che guardando le mie due bandierine rainbow sulle guance m’ha chiesto

E’ andata alla manifestazione signo’?”
“Sì”.
“Tutto bene? Problemi?”
“Perché? Era una manifestazione tutta sull’amore, e l’amore problemi non li dà. A chi si ama, ovviamente”.

 




 

(9 giugno 2019)

©gaiaitalia.com 2019 – diritti riservati, riproduzione vietata

 


 

 

 





 

Comments

comments

Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne clicca su "leggi di più". Questo sito utilizza cookies di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. leggi di più

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi