Home / Cosa?!? / L’allegra famiglia Spada che aggredisce e accusa la giornalista Federica Angeli

L’allegra famiglia Spada che aggredisce e accusa la giornalista Federica Angeli

di G.G. #Roma twitter@gaiaitaliacomlo #mafia

 

 

Per far capire chi comanda bisogna mostrare i muscoli, così alcuni esponenti dell’allegra famiglia Spada, le cui vicende ostiensi sono note, si sono presi il disturbo di perpetrare un’aggressione nei confronti della giornalista antimafia Federica Angeli, mutuando alcune delle frasi ereditate da certa politica e utilizzate a loro uso e consumo.

“‘Sta bastarda” hanno detto i santi componenti Spada, nello specifico Desiré e Alessandra Salera, moglie e cognata di Ottavio Spada attualmente in galera al 41bis per mafia, “viaggia con la scorta e i bambini muoiono di fame”, frasi in perfetta linea con alcune esternazioni di certi ministri nei confronti di chi dalla società civile si oppone a certe politiche divisive.

E’ successo durante lo sgombero dell’appartamento di Vincenzo Spada, uno dei nipoti del boss Carmine, quando Federica Angeli, cronista di Repubblica sotto scorta e sul posto per il giornale, viene insultata e inseguita dalle due donne – identificate e denunciate d’ufficio per minacce – ed è costretta a lasciare il suo posto di lavoro sotto la protezione della scorta.

Nella foto (un fotogramma del video pubblicato dall‘Huffington Post) in alto un momento dell’aggressione.





(5 ottobre 2018)

©gaiaitalia.com 2018 – diritti riservati, riproduzione vietata

 





 

Comments

comments

Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne clicca su "leggi di più". Questo sito utilizza cookies di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. leggi di più

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi