Pubblicità
16.1 C
Roma
Pubblicità

ROMA

Pubblicità

ROMA SPETTACOLI

HomeNotizieTronfissima Giunta Raggi: "Ecco 15 nuovi autobus. Dal 2016 messi in circolazione...

Tronfissima Giunta Raggi: “Ecco 15 nuovi autobus. Dal 2016 messi in circolazione più di 200 mezzi Atac” (l’80% di essi voluti da Ignazio Marino)

GAIAITALIA.COM ROMA anche su TELEGRAMIscrivetevi al nostro Canale Telegram
La fantastica organizzazione dei trasporti a Roma in questa foto (particolare) dall’account Twitter @RiprendRoma

di G.G., #Roma twitter@gaiaitaliacomlo #Atac

 

 

E’ con fanfara e squilli di trombe, oltre ai rulli di tamburi, che gli entusiasti addetti stampa del Campidoglio annunciano: “Da oggi entrano in servizio i nuovi 15 autobus Urbanway acquistati da Atac grazie a 3,6 milioni di euro, fondi stanziati dal Campidoglio in occasione del Giubileo della Misericordia”.

E’ una buona notizia, con questi 15 bus la viabilità della capitale cambierà sicuramente volto perché il problema non sono i mezzi che non arrivano, saltano le corse, gli autobus fantasma o quelli che prendono fuoco, sono i 15 che mancavano per rendere Roma la città perfetta millantata dalla giunta Raggi in perenne campagna elettorale.

Continua l’entusiasta comunicato stampa capitolino: “Dopo l’arrivo di 150 nuovi bus tra le strade della nostra città”, erano quelli ordinati dalla giunta Marino e contro l’acquisto dei quali Virginia Raggi ed il M5S avevano votato contro “e dopo aver restituito ai cittadini i 45 filobus abbandonati per anni” (quindi nuovissimi, ndr) “in un deposito oggi diamo un altro po’ di linfa” (anche il comunicato del 30 dicembre 2016 parlava di dare nuova linfa, ma i trasporti sono peggiorati) “al parco mezzi del trasporto pubblico di Roma. Abbiamo chiesto ad Atac quali fossero le linee che presentano più criticità. Criticità che si traducono per i cittadini in ritardi e tempi di attesa lunghi alle banchine. I nuovi 15 bus acquistati da Atac saranno impiegati su queste linee per migliorare il servizio ed evitare disservizi a romani e turisti”, dichiara la Sindaca di Roma Virginia Raggi”.

Naturalmente il comunicato stampa capitolino scarica la colpa sugli altri: “Abbiamo ereditato un parco mezzi vetusto. Purtroppo Atac ha sofferto, negli ultimi anni, di una grave mancanza di investimenti che ha portato ad avere in circolazione bus vecchi di quasi 20 anni con evidenti conseguenze sul servizio” e non di sprechi dissennati che l’hanno portata sull’orlo del fallimento, così il M5S ripete la solfa secondo la quale dal loro insediamento hanno “aumentato il numero di bus in circolazione: attualmente escono dalle rimesse ogni giorno 1.300 vetture.  Un numero che a breve sarà incrementato grazie al riavvio della fornitura di ricambi, ripreso successivamente al Concordato preventivo di settembre. Tra le linee che presentano maggiori disservizi la 38 e la 80, entrambe che partono dalla periferia verso il centro, rispettivamente da Porta di Roma-Termini e Porta di Roma-Piazza Venezia.  Altri percorsi dove sono state segnalate molteplici criticità la 223 e la 337:  la prima Termini-Stazione La Giustiniana, la seconda Conca d’Oro-Tor Lupara. I nuovi autobus saranno impiegati, infine, anche sulla linea 911, Filippo Neri-Piazza Mancini, per migliorare il fabbisogno giornaliero di mezzi”, spiega l’Assessora alla Città in Movimento di Roma, Linda Meleo. Con questi nuovi autobus si potrà arrivare a trasportare più di mille passeggeri l’ora – si calcola una media di 70 passeggeri l’ora per mezzo. Una stima che potrà solo migliorare, se i bus saranno impiegati su linee ad alta frequentazione, come la 38 e la 80. I nuovi 15 autobus, che si aggiungeranno alla flotta” [sic] “Atac, sono mezzi Euro 6 modello Urbanway Cursor da 12 metri, della flotta Iveco. Tra le caratteristiche principali: motore con sistema Hi-SCR in grado di ridurre il consumo di carburante del 4,3% rispetto ai modelli Euro 5 e di tagliare i costi di manutenzione di oltre il 10%; cabina chiusa per la tutela e l’incolumità dell’autista, telecamere di videosorveglianza con sistema Avm per il continuo monitoraggio del mezzo dalla Centrale operativa di superficie e la comunicazione in tempo reale con la Security aziendale e le forze dell’ordine;  sedili passeggeri ergonomici e senza imbottitura per garantire la massima igiene;  due monitor per comunicazioni multimediali; pedana per disabili manuale per garantirne la funzionalità in ogni condizione (marciapiede troppo basso o alto, affidabilità indipendente dall’impianto elettrico); tabellazione esterna posteriore delle linee posizionata più bassa e con un contrasto di luce adeguato per agevolare gli ipovedenti, impianto audio interno, per annunci ed informazioni ai viaggiatori”.

Se si è fortunati, insomma, ci si gode una straordinaria descrizione degli entusiasti addetti stampa del Campidoglio e si sogna una città che non c’è, trasporti che non ci sono, autobus puliti e puntuali, autisti gentili ed utenti che pagano il biglietto. Se si è sfortunati ci si appresta, alla fermata, ad aspettare l’autobus. Alla faccia della Favole Raggiche.





(30 novembre 2017)

©gaiaitalia.com 2017 – diritti riservati, riproduzione vietata

 



 

 

PubblicitàCOLORS SALDI SS23

CRONACA ROMA & LAZIO