Pubblicità
15.2 C
Roma
Pubblicità

ROMA

Pubblicità

ROMA SPETTACOLI

HomeNotizieMeloni reginetta della festa, o di quelli sempre più realisti del Re...

Meloni reginetta della festa, o di quelli sempre più realisti del Re (e povero anche il cavallo)

GAIAITALIA.COM ROMA anche su TELEGRAMIscrivetevi al nostro Canale Telegram

di Giovanna Di Rosa

Davvero il coro di bambini ci voleva? Bambini che intonano “Giorgia Meloni! Giorgia Meloni!” come se qualcuno li avesse spinti a farlo? E a che pro se non per farsi bello agli occhi della leaderessa maxima con una manifestazione organizzata che odora di finto da lontano e che fa più male che bene persino a Meloni?

La sgangherata celebrazione in onore della presidentissima del Consiglio è accaduta in Piazza del Popolo (del popolino?) a Roma il 28 marzo scorso, in occasione della festa dell’Aeronatica, i 100 anni dell’augusto corpo, quando la leader del governo dell’ogni-divieto-diventi-reato è montata ai comandi di un velivolo dell’Aeronautica militare, scortata dal ministro Crosetto tra tripudi da concerto, sventolio di bandiere tricolori, coretti a tempo dei bambini: chiaramente organizzati. Occhiale nero e mise en pendant con il solenne momento, lei ride col sorriso che uccide (mica è colpa nostra se Meloni ha un sorriso bellissimo) e Mario Sechi plenipotenziario della comunicazione di palazzo Chigi cita se stesso: la “presidente pilota”. E tutti i gatti miao.

Era successo qualcosa di simile a Siracusa, qualche anno fa, presidente del consiglio Matteo Renzi, scolaresca in formazione, insegnante con lacrimuccia in agguato e i bambini a celebrare il presidente del Consiglio a ritmo di blues di una canzoncina che gridava vendetta e si spera irripetibile a magnificare le gesta, e le qualità [sic], del Renzi di allora.

Ho la fermissima convinzione che, sorrisi di circostanza a parte, la manifestazione organizzata da chi è più realista del Re (e la madre di quelli lì è sempre incinta, per la gioia della ministra Roccella) abbia dato più fastidio che piacere. Il coretto – la presidente va in brodo di giuggiole, pugnetti chiusi a battere il tempo, imbarazzante – sia detto per inciso, è stato fatto partire da qualcuno che era vicinissimo ai bambini provvisti all’uopo e en plein air di bandierine tricolore (che notoriamente non tieni in frigorifero per sventolarle quando sia necessario). Attendo smentite.

L’immagine è un frammento screenshot dal video di Repubblica.

 

 

(29 marzo 2023)

©gaiaitalia.com 2023 – diritti riproduzione, riproduzione vietata

 





 

 

 

 

 

 



PubblicitàCOLORS SALDI SS23

CRONACA ROMA & LAZIO