Pubblicità
8.6 C
Roma
Pubblicità

ROMA

Pubblicità

ROMA SPETTACOLI

HomeCopertinaPer Piantedosi il “Boom di sbarchi” è “Colpa dell’opinione pubblica italiana che...

Per Piantedosi il “Boom di sbarchi” è “Colpa dell’opinione pubblica italiana che li accetta”. Brutta gente ‘sti Italiani….

GAIAITALIA.COM ROMA anche su TELEGRAMIscrivetevi al nostro Canale Telegram

di Daniele Santi

Eccolo il ministro dell’Interno che mancava. Da bravo componente del governo che dà la colpa a tutti, come se dare la colpa agli altri rendesse innocenti loro, Piantedosi di tutte le soluzioni ha trovato le vere ragioni per cui i migranti sbarcano in Italia: è colpa degli Italiani “che li accettano”. Dunque, compatrioti, armatevi di odio, coltello tra i denti, e capacità d’insulto per fare capire ai migranti che non li accettate. Perché di odio xenofobo non ne è stato vomitato abbastanza. Si può osare di più.

La nuova boutade piantedosiana arriva dopo il grido d’allarme di Salvini, l’ennesimo grido d’allarme, secondo il quale (per colpa dei migranti, of coursel’Italia è sotto attacco. Ed è tutto un fluire televisivo dai giornali di famiglia di sedicenti opinionisti tuttologioche giulive a ripetere la famosa fòla, arrampicandosi sugli specchi per compiacere i datori di lavoro nel pieno orgasmo del complottismo più becero, idiota, insopportabile e così confuso che nemmeno loro sanno quello che dicono, tant’è vero che sciorinano dati inesistenti e teorie incomprensibili.

Basterebbe dire che il governo che loro sostengono non vuole salvare la gente in mare – se siete d’accordo è così se non siete d’accordo è così lo stesso – e si chiuderebbe la storia. Ma tanto i sedicenti opinionisti quanto le giulive di cui oche non hanno nemmeno il coraggio delle loro opinioni. Un bel naufragio dalle loro belle barche, con bello spavento ma vita salva, gli si potrebbe pure augurare.

Ma lo vedono questi qui – opinionisti, oche e Piantedosi – che Meloni un’altra Cutro non se la può permettere? Lo vedono che questo governo ha preso voti da un elettorato cresciuto a razzismo, omofobia, misoginia e xenofobia veicolati dalle forze che questo governo compongono? Come possono continuare a fare propaganda sull’invasione musulmana (ancora lì sta Tajani), continuare a dire quello che dicono sugli stranieri per poi aprire a oltre 82mila ingressi di lavoratori dall’estero (prenotazioni chiuse in venti minuti) con le Regioni che gridano alla mancanza di almeno altre centomila persone?

E’ che i componenti del governo Meloni nemmeno quando respirano sanno quello che dicono: la premier manca di tatto politico come io manco di capelli in testa. Si rivolgeva all’UE gridando “la pacchia è finita” e ora invoca l’aiuto dell’UE sui migranti; litigava con Macron e ora lo incontra mentre gli si incendia la Francia; incontra Nethanyahu nel peggior momento della storia recente d’Israele.

Quindi le uscite di Piantedosi che raccontano proprio con chi si ha a che fare: un governicchio incapace di tessere qualsiasi tipo di alleanza così in Italia come dentro la be più complessa realtà europea e mondiale dove l’unica cosa che conta è avere amici o sei fuori dalle trattative e dai tavoli. Certo Italo Bocchino ha detto che Meloni  sarà la nuova Angela Merkel. E certo l’affermazione è motivo di tranquillità eterna. Soprattutto se si è morti.

Per tornare a Piantedosi sappiate che ci sono Paesi “intransigenti in maniera trasversale tra posizioni politiche diverse” e che l’invito non pronunciato è a diventare come quei popoli là. Obbedite. E’ un ordine.

 

 

(27 marzo 2023)

©gaiaitalia.com 2023 – diritti riservati, riproduzione vietata

 





 

 

 

 

 

 

 

 



PubblicitàCOLORS SALDI SS23

CRONACA ROMA & LAZIO