Il corto di Giuseppe Sciarra “Venere è un ragazzo” al festival online Free Aquila. L’intervista a Tiziano Mariani

Data:

Share post:

di Shizuka Kibi, #Cinema

Il regista Giuseppe Sciarra e la casa di produzione Cinetika sono felici di annunciare la loro partecipazione con ” Venere è un ragazzo” al festival online Free Aquila, organizzato dal Nuovo Cinema Aquila di Roma.

Il festival si svolgerà dal 27 al 31 marzo sulla piattaforma fleshhome in cui potrete vedere oltre all’opera di Sciarra altri diciannove cortometraggi che concorreranno per tre premi: premio giuria di qualità, premio del pubblico e premio Nuovo Cinema Aquila. Tutti i corti saranno disponibili sulla piattaforma per ventiquattro ore dalla messa in onda. Inoltre ogni sera sulla pagina facebook del Nuovo Cinema Aquila, cinque registi in gara presenteranno le loro opere.

La serata di premiazione e la proiezione dei cortometraggi vincitori avverrà il 31 marzo. I cortometraggi vincitori saranno proiettati rispettivamente per un minimo di quattordici giorni in apertura di un lungometraggio scelto dall’organizzazione del festival compatibilmente alla programmazione 2021 – 2022 del Nuovo Cinema Aquila.

Venere è un ragazzo ha vinto numerosi premi (dal Nice Iff per la miglior sceneggiatura al premio miglior regia per il magazine di culto Cinefact) ma ha avuto anche dei problemi con alcuni festival che l’hanno osteggiato per una scena con l’attore Davide Crispino ritenuta blasfema. Per la serie molto rumore per nulla. Di seguito una intervista della nostra Shizuka Kibi al protagonsta Tiziano Mariani.

foto: Antonella De Angelis

Come stai affrontando questo momento difficile in cui il Dpcm del 3 novembre ha comportato nuove restrizioni anche per il mondo dello spettacolo?

Questo periodo lo sto affrontando al meglio.

Il DCPM dello scorso anno ci ha messo in delle condizioni molto difficili e restrittive, un cambiamento per tutti noi che eravamo abituati a vivere in modo diverso. Per quanto mi riguarda sto prendendo questo tempo per attuare un percorso di crescita personale in modo che quando tutto sarà finito, spero il prima possibile, potrò affrontare al meglio la vita futura che si prospetta molto dura e piena di incertezze. Tutto questo mi affascina. La vedo come una grande sfida dalla quale tutti possiamo trarre tantissime opportunità e spero che altre persone sfruttino questo periodo per crescere personalmente.

La limitazione delle tue attività da attore che riflessi ha avuto sulla tua vita? 

La mia vita non è cambiata, poi molto fortunatamente ho potuto finire un film che avevamo già cominciato e presto questo film parteciperà ai vari festival europei ed internazionali. In realtà mi sono saltati alcuni lavori, ma non mi sono buttato giù. Come ho detto prima dobbiamo prendere questo momento per crescere personalmente, e perché no, anche per sviluppare nuovi progetti dato che di tempo libero ne abbiamo eccome. Molti miei colleghi hanno perso dei lavori purtroppo. Io fortunatamente mi sono creato un piano B faccio anche il personal trainer  e presto sarò insegnante di Yoga, però riconosco che tanti colleghi che non si sono creati nel tempo un altro lavoro ora stanno soffrendo. Viviamo in un’epoca dove la precarietà è presente in tutte le sue sfumature, quindi ci dobbiamo adattare e non ci sono alternative.

Il sostegno economico per i lavoratori del settore è stato sufficiente, quanto sarebbe stato difficile se non avessi avuto un secondo lavoro?

Il sostegno economico da parte dello Stato io l’ho ricevuto, sono sincero. Ma tanti miei colleghi che magari avevano dei lavori che stavano per partire hanno visto andare in fumo mesi e mesi di prove e di soldi messi in anticipo per garantire la loro produzione. Soprattutto il mondo del teatro versa in condizioni molto gravi. Detto questo ti devo dire che se non avessi avuto altre entrate derivanti da altri lavori che faccio e che ho imparato a fare nel tempo me la sarei vista davvero brutta. Fare in particolar modo il personal trainer mi dà una sicurezza che non ho dal mestiere di attore e devo dire che ho molte soddisfazioni da un punto di vista umano. Allenare una persona, aiutarla a migliorare il rapporto con il proprio corpo per me è un modo per spingerla a volersi bene e a curare non solo la propria fisicità ma anche la psiche. Recentemente sto seguendo molte persone. Ci alleniamo all’aperto e c’è un bello scambio di energie che in quest’ultimo periodo è un privilegio per pochi.

Come vedi la partecipazione al Free Cinema Aquila e il successo di ” Venere è un ragazzo” che ormai è in giro per i festival da due anni? 

Venere è un ragazzo era partito malissimo. Per mesi molti festival ci hanno ignorato e non capivamo il perché, lo abbiamo compreso tempo dopo quando abbiamo saputo di quella ridicola storia del crocifisso. Il successo del cortometraggio è stato lento e irto di ostacoli ma io ci ho creduto sempre anche quando sembrava che non andassimo da nessuna parte. Ho messo in gioco la mia storia, il rapporto con mia madre, la mia inquietudine. Sapevo che prima o poi la verità paga e così è stato. Si parla ancora di questo corto e non è scontato. Sono felice di partecipare al festival organizzato dal ” Nuovo Cinema Aquila”. È un cinema che ha sempre avuto una programmazione coraggiosa e che cerca un contatto diretto coi propri spettatori che non si limita alla proiezione di un film. Spero possano aprire al più presto come tante altre belle realtà che abbiamo e dobbiamo difendere. Un ultimo messaggio non solo agli artisti ma a tutti i miei concittadini italiani, non molliamo! La luce è sempre pronta a illuminarci  la via attraverso l’oscurità.

 

(23 marzo 2021)

©gaiaitalia.com 2021 – diritti riservati, riproduzione vietata

 




 

 

 

 

 




altre notizie

La Latina in liquidazione causa “destre” vuole ritornare “Littoria” e si appella a Meloni

di Giovanna Di Rosa Vogliono che "Latina torni Littoria" per attingere agli antichi fasti che son diventati moderne vanità:...

Minacce all’Università La Sapienza per corso di laurea in Gender Studies. Mattia (PD): “Minacce assurde e inaccettabili”

di Redazione Roma “Trovo assurde e inaccettabili le minacce ricevute dall’Università La Sapienza di Roma per via dell’attivazione del...

Eleonora Mattia (PD): con piano regionale sul Diritto allo Studio investimenti sulla scuola

di Redazione Politica "Con l’adozione del Piano annuale degli Interventi del Sistema Educativo Regionale e del Piano annuale degli...

Eleonora Mattia: “Dal PD proposte concrete per giovani, serve un patto generazionale”

di Redazione Politica "Bene ha fatto il Segretario Nazionale del Partito democratico, Enrico Letta a rilanciare l’introduzione di una...