Pubblicità
18.2 C
Roma
Pubblicità

ROMA

Pubblicità

ROMA SPETTACOLI

HomeL'Opinione RomaMeloni e la sanificazione dell'aula come strategia politica

Meloni e la sanificazione dell’aula come strategia politica

GAIAITALIA.COM ROMA anche su TELEGRAMIscrivetevi al nostro Canale Telegram

di Giovanna Di Rosa #Lopinione twitter@gaiaitaliaroma #Politica

 

Furono parole di granito, alle quali seguì esattamente l’azione contraria. Perché la legge fondamentale di Fratelli d’Italia è dire una cosa e farne un’altra e poi gridare da una televisione all’altra, faccia truce e aria da bambina perennemente scocciata dai discorsoni degli adulti, da un quotidiano all’altro ciò che si farà quando e se, tanto è colpa di qualcun altro che non vuole andare alle elezioni.

Non voteremo né la fiducia, né la manovra. Saremo qui a Montecitorio per manifestare con gli artigiani, i commercianti, gli imprenditori che dicono no. Con i soldi stanziati in legge di bilancio per il reddito di cittadinanza ci sono 133 euro al mese a persona, non 780 euro. E’ il complotto mondiale delle calcolatrici? Vi abbiamo difeso, abbiamo difeso il governo e la nazione contro gli attacchi dell’Ue. Lo abbiamo fatto perché siamo sovranisti nel senso più puro del termine. Non potevamo che apprezzare un governo che sceglieva di alzare la testa verso l’Ue. Siete partiti temerari, spavaldi e invece adesso fate marcia indietro”… 

disse Meloni la Prode.

Poi qualcosa deve essere successo perché ci risulta che la manovra sia stata votata e allo stesso tempo qualcosa ci dobbiamo essere persi perché non risulta che Meloni dica in Europa sull’Italia le stesse cose che dice in Italia sull’Europa, basta dare un’occhiata alle sue alleanze (foto in alto) e i ragionamenti arzigogolati con pretesa di sofismi sulla parola sovranisti lasciano il tempo che trovano. Come certe strategie politiche che durano due ore.

Coerenze? non si sa cosa siano. Il sovranismo estremista che caratterizza le becerissime destre italiane non ha una programmazione temporale, punta alle elezioni: subito. E sapendo che non può averle ritiene di avere sempre un argomento valido da usare come un fucile puntato. Colpa vostra!

Certo in mancanza d’argomenti si può sempre chiedere la sospensione della seduta per la sanificazione dell’aula ( magari ottenendola pure) ed uscire con aria da gran diva dall’emiciclo in segno di suprema indignazione, soddisfatti di avere rimandato una votazione che non va come avremmo voluto e rispetto alla quale non abbiamo argomenti migliorativi. Insomma, abbiamo perso ancora e tocca consolarsi coi sondaggi.

Una vita tremenda quella del sovranista moderno, in perenne equilibrio su più poltrone e relativi stipendi, alla difesa disperata delle une e degli altri.

 

(23 dicembre 2020)

©gaiaitalia.com 2020 – diritti riservati, riproduzione vietata

 

 




 

 

 

 

 

 

 

 



PubblicitàCOLORS SALDI SS23

CRONACA ROMA & LAZIO