Home / notizie / “Pensierini Romani” di Vittorio Lussana: a Roma non si può lavorare

“Pensierini Romani” di Vittorio Lussana: a Roma non si può lavorare

di Vittorio Lussana #PensieriniRomani twitter@GaiaitaliaRoma #Roma

 

A Roma non si può lavorare. Circola come un virus nelle menti dei cittadini della capitale, un sorta di stupidità; una pigrizia mentale ipocrita e superficiale; un formalismo omologativo funzionale unicamente a rimuovere ogni critica, anche la più costruttiva e dialogante; un concepire gli altri dando per scontato che essi possiedano i nostri stessi difetti e le nostre stesse identiche esigenze. Siccome la città si è ormai piegata da tempo alla mediocrità e all’opportunismo, si pensa che anche il prossimo sia mosso dai medesimi bisogni o presupposti. E non si riconosce nient’altro, nel grigiore più squallido, unilaterale e assoluto. Riuscire a far comprendere cosa sia la normalità, diviene un’eccezionalità. E invece, si tratta di una semplice, banalissima, normalità basata sul lavoro, sulla professionalità, su una reale passione per la cultura, il teatro, l’arte in generale. Queste sono le considerazioni che abbiamo dovuto trarre dopo la fine della partnership, durata 8 anni, tra la rivista ‘Periodico italiano magazine’ e il ‘Roma Fringe Festival’. Una manifestazione sempre più involuta e rabberciata, che tende ad appiattire verso il basso tutto e tutti. Il tentativo dell’attuale direzione artistica, oltre a snaturare la natura allegra, bizzarra e giovanile della rassegna, sembra esser quella di voler ridurre i premi destinati alle singole compagnie, al fine di innalzare la qualità degli spettacoli. E’ un po’ il ragionamento di chi preferisce stipare i propri compact disk in verticale anziché in orizzontale, senza riuscire a comprendere che i cd in questione sono sempre gli stessi. Una riduzione dei premi che cambia poco o nulla per chi, nelle passate edizioni, si presentava quando voleva e scriveva quando poteva. E che, col passare degli anni, ha via via emarginato proprio chi ha sempre sostenuto, fedelmente e con coerenza, l’idea originaria del festival, recensendo ogni singolo spettacolo, predisponendo servizi speciali, impegnando l’intera redazione anziché limitarsi a inviare un singolo reporter. “L’Italia è una Repubblica democratica fondata sul lavoro”, recita l’articolo 1 della nostra Costituzione. Un principio rimasto totalmente sulla carta. Soprattutto a Roma e nei suoi sempre più discutibili ambienti. Perché nella distorta mentalità della capitale d’Italia domina, ormai, un solo e unico principio: chi lavora è solamente un povero stronzo.

 

 

(6 novembre 2019)

©gaiaitalia.com 2019 – diritti riservati, riproduzione vietata

 

 




 

 

 

 

 

 




Comments

comments

Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne clicca su "leggi di più". Questo sito utilizza cookies di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. leggi di più

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi